5 Campagne Email per Ravvivare dei Prospetti Negativi

Tempo di lettura: 4 Minuti Strategie Email Marketing

Tutti vorremmo tornare ai giorni in cui il cliente leggeva ogni email, ma i tempi sono cambiati. I clienti riescono facilmente ad individuare lo spam o un tentativo di vendita. Quindi, come potete combattere la battaglia tra la personalizzazione e la creazione di campagne email in scala?

Risposta: fate entrambe le cose. Segmentate i vostri clienti secondo le fasi del ciclo di acquisto (basandovi sul coinvolgimento del cliente con i vostri contenuti) e poi segmentate nuovamente quei clienti dal punto di vista del loro valore. Quei clienti che hanno un basso coinvolgimento e un basso valore di durata dovrebbero ricevere un targetting diverso rispetto ai clienti con alto valore di durata e un alto coinvolgimento.

Questo articolo mira a controllare tutti i livelli di coinvolgimento ed i valori che, per un motivo o per l’altro, si stanno perdendo. Non interagiscono più con il vostro brand e proabilmente non risponderebbero alla vostra chiamata se vi metteste in contatto. La buona notizia è che potete usare il software di automazione marketing per creare campagne di sensibilizzazione che “riscaldino” alcuni di questi prospetti negativi.

Per ravvivare davvero i prospetti negativi, dovrete lanciare un’apposita campagna di automazione di email marketing. Una singola email CTA non funzionerà. Vi hanno già nascosti prima, quindi non ci penseranno due volte ad eliminare la vostra email e a disiscriversi subito. Procedete con calma. Qui in basso sono elencate cinque idee per riscaldare le campagne e per aiutarvi ad iniziare.

1. Informazioni Gratuite

Offrite contenuti educativi gratuiti relativi al ruolo o all’industria del prospetto, e del contenuto aggiuntivo se il tutto viene aperto dalla prima email. Valutate il responso su questi dati (percentuali di apertura, clic, ecc.) per un’ulteriore segmentazione. Ricordate che questo tipo di email devono aggiungere del valore: date al vostro cliente delle insight processabili e delle informazioni utili che rispondano ai punti deboli in cui possano avere difficoltà. Ecco delle idee per delle informazioni continuative:

Idee per delle informazioni continuative:

  1. Un corso online gratuito
  2. Una cadenza email giornaliera con una dose di informazioni per 3/5/7 giorni
  3. Una serie di blog inviata per posta (inviate un’anteprima dell’articolo con i link al blog per poter misurare il coinvolgimento)

Perché funziona: Quelli che restano con voi durante la cadenza o che interagiscono con i vostri contenuti, si prenderanno del tempo per valutare la vostra offerta. Quando fornite delle informazioni e degli insight processabili, create fiducia con i potenziali acquirenti, che si trasformerà poi in dollari. Seguite questa campagna con un acquisto o un’offerta, e chiedete un feedback. A tutti piacciono le cose gratuite, e se il contenuto che offrite è utile, la gente tenderà a credere che lo siano anche i vostri prodotti e il vostro team.

Usate questo per contattare: Chi cerca contenuti casuali – coloro che arrivano da voi per ricerche e idee, ma non acquistano ancora perché hanno bisogno del vostro prodotto.

2. Statistiche di Utilizzo

Questa email usa i vostri casi di studio e i test sui clienti per fornire risultati sui vostri prodotti. Quando create queste email fredde, non volete soltanto provare che i vostri prodotti funzionano, ma anche che l’acquirente ha valore, quindi pensate ai punti deboli e ai problemi specifici per cui è dimostrata l’efficacia del vostro prodotto.

Perché funziona: I numeri catturano lo sguardo. Quando aggiungete statistiche alla vostra copia, i vostri lettori tenderanno a prestare maggiore attenzione rispetto a quanto farebbero se fossero messi davanti ad un testo lunghissimo. Usate dei punti chiave e frasi corte e concise per mantenere il loro interesse.

Usate questo per contattare: I prospetti che si sono allontanati dal gruppo. Quando un rapporto si raffredda, c’è un motivo. Dovete coinvolgere, e in fretta. Fornire dati statistici dà prova del fatto che i vostri prodotti funzionano, e aiutano le persone a ricordarsi il perché siano entrate in contatto con voi all’inizio.

3. Email Su Azione

Queste hanno bisogno di più segmentazione e tracking dei rapporti, e possono andare più in fretta, ma inviare un’email come “Abbiamo visto che hai scaricato questo” o qualcosa di simile può coinvolgere una persona distratta.

Perché funziona: La gente realizza che state prestando attenzione. Quando menzionate i loro download/clic/letture specifici, vedono qualcosa di familiare nella vostra email e tendono a continuare a leggere. Potete unire questa tattica di sensibilizzazione con una nozione educativa per spingere il cliente ad acquistare, ma assicuratevi che queste email siano corte ed informative.

Usate questo per contattare: Le persone che consultano il vostro sito web e usano i vostri contenuti ma non hanno ancora premuto il grilletto.

4. Campagne di Scuse

Usate un’email di scuse per riprendere la conversazione con i clienti che avete perso a causa della negligenza o di cattive politiche. Pensatela come un’insegna di “Sotto Nuova Gestione”, e parlate al cliente di come siete cambiati o di come vorreste rinnovare il rapporto. Usate queste email per segmentare ulteriormente i vostri clienti persi: coloro i quali risponderanno potranno avvicinarsi alle email mentre quelli che vi ignorano possono finire nel segmento dei “freddi come il ghiaccio”.

Perché funziona: Quando siete modesti, il cuore dei vostri clienti si stringe. In cambio, fornite al cliente dei termini immediati e specifici. Non tutti i clienti risponderanno a questa tattica particolare, quindi utilizzatela con parsimonia.

Usate questo per contattare: I clienti che perdete con delle cattive politiche, negligenza, o per un evento imprevisto.

5. Rispettare la Cadenza Richiesta

Il cliente ha consultato i vostri contenuti, continua a visitare il vostro sito per controllare i vostri ultimi post, e forse ha lasciato anche qualche mi piace ai post sui vostri social. Vorreste portare questo rapporto al livello successivo, ma il cliente evita di contattarvi. È il momento per i vostri venditori di trovare un punto di incontro.

Avvertimenti:

  1. Fate in modo che al massimo le prime due email riguardino il rapporto. Quali punti deboli notate, e come potete ovviare al tutto?
  2. Non chiedete un incontro nella prima email. Nonostante il vostro obiettivo sia fissare un appuntamento, questa persona dovrà mostrarsi interessata, e il modo migliore di spaventarla è andare dritti al punto.

Come funziona: Pensatela come una vera campagna mirata per un singolo cliente. Se giocate bene le vostre carte e restate persistenti, questa campagna ha il potere di creare un cliente altamente coinvolto a lungo termine.

Usate questo per contattare: I clienti coinvolti ma volubili che hanno bisogno di attenzioni personali. Questo funziona bene per gli account di alto valore che vi pagano bene se vengono coinvolti e curati.

Considerazioni Finali

Lavorate sulla riga del vostro oggetto. Dovreste testare due volte ogni parte dell’email, ma una buona riga del soggetto farà aprire le mail ai clienti più di ogni altro fattore.

Sappiamo tutti com’è fatta un’email di vendita, quindi abbiate del buonsenso quando le scrivete. Non dovete spacciare la vostra email per qualcos’altro, ma dovrete certamente stare alla larga dalla mentalità “Acquista Ora!”.

I rapporti freddi possono essere scoraggianti per un team di vendite perché sembrano un’occasione persa. Ma se volete essere creativi con la sensibilizzazione, potete coinvolgerne – e possibilmente recuperarne – un gran numero.

Il modo più facile per coinvolgere i tuoi iscritti.

Con Benchmark potrai coinvolgere i tuoi iscritti e lead nel tuo Email Marketing. Il nostro obiettivo è quello di darti gli strumenti e i mezzi migliori per raggiungere il tuo successo.