Perchè mantenere il tuo database aggiornato salva la tua strategia di email marketing

Tempo di lettura: 4 Minuti Tecniche Email Marketing

Abbiamo già parlato di quanto è importante che i contatti vengano acquisiti direttamente da te, ma perché è importante mantenere la lista aggiornata?
Vuoi che le tue campagne di email marketing raggiungano dei risultati migliori?
Allora devi lavorare sulla tua lista contatti e aggiornarla. Probabilmente hai problemi di deliverability, questo presuppone che non stai raggiungendo l’esito sperato nella conversione, ma corri anche il rischio che il tuo indirizzo venga segnalato come spam.

Come si gestisce una lista contatti per ottimizzare la deliverability?

Il primo consiglio che ci sentiamo di darti è che tu stesso crei la tua lista contatti. Dimenticati di comprare liste con migliaia di contatti.
Meglio iniziare da zero ed aggiungere poco a poco gli utenti alla lista, anziché comprare o cercare indirizzi in giro sul web.
Molto meglio inviare 100 emails a persone che ti hanno dato il loro indirizzo piuttosto che inviare a persone che non sanno neanche della tua esistenza.
Per creare una buona mailing list, devi riuscire a far si che i tuoi clienti e leads interessati nel tuo prodotto ti forniscono il loro indirizzo email. Per questo, devi sviluppare una serie di strategie  a seconda dei canali che vuoi utilizzare. Qui ti elenchiamo una serie di idee valide e pratiche:

  1. Pagina web: il modulo di contatto che i clienti utilizzano per contattarti e risolvere problemi deve essere visibile e facile da trovare. Inoltre, devi informare tutti quelli che inseriscono i loro dati in questo moduli che riceveranno comunicazioni da parte tua e danno il consenso per riceverle.
  2. Blog: sicuramente hai una pagina web e nella stessa scrivi un blog. Fai in maniera che quando i tuoi utenti arrivano alla pagina gli appare un pop up chiedendo l’iscrizione alla tua newsletter. Noi siamo dell’idea che per incentivare i tuoi utenti a darti i loro dati gli devi dare qualcosa in cambio, un ebook, uno sconto del 10%, un report…
  3. Crea gruppi con strumenti come Meetup, dove tutti i partecipanti sono uniti dallo stesso interesse e creano eventi presenziali.
  4. Corsi online, webinars dove per poter partecipare si devono registrare.
  5. Landing Pages dove richiedi la registrazione per poter scaricare ebook, manuali o checklist.
  6. Promozioni o sorteggi tramite i social network.
  7. Fiere o eventi dove scambi biglietti da visita. E nella stessa maniera fare sessioni di networking.

Una volta che abbiamo la base dati, è molto importante creare un compromesso con questi leads e clienti, in maniera tale da poter instaurare con loro un rapporto che li porti all’apertura delle tue campagne e soprattutto che tornino da te (alla tua pagina web, aprire le tue emails, fare click, chiamarti).
Uno strumento perfetto per raggiungere questo obiettivo è Automazioni Pro. É lo strumento ideale per raggiungere questo compromesso con i tuoi clienti giorno dopo giorno, visto che ti permette di creare percorsi personalizzati basati sull’interazione dei tuoi clienti con la tua pagina web o emails.
Se il compromesso raggiunto con questi clienti o leads è alto, questo articolo non ti servirà, perchè sicuramente stai già applicando questi consigli. Ma se non sei soddisfatto della tua situazione attuale, ti conviene continuare con la lettura.
Ogni volta che invii una campagna, devi prestare attenzione agli utenti che aprono o no i tuoi messaggi. Se non stanno aprendo le tue campagne, probabilmente l’utente non è più interessato al tuo prodotto o questo indirizzo non viene più utilizzato ed il provider identifica le tue emails come spam.
Qui ti forniamo varie strategie:
Con Benchmark hai la possibilità di fare “pulizia di contatti”: è importante che dopo 3 o 4 campagne inviate verifichi la qualità delle tue liste ed elimini le respinte confermate + le respinte hard. Se hai una percentuale alta di emails non aperte, puoi fare questo:

  1. Eliminali dalla lista: non hanno nessun interesse nelle tue comunicazioni, eliminandoli potresti scendere di piano, e quindi risparmiare denaro e soprattutto moltiplicare i tassi di apertura concentrandoti così nel tuo utente ideale.
  2. Separare i contatti in aperti e non aperti: se utilizzi questa pratica l’ideale sarebbe creare un sub-account dove inserire i non aperti. Applicando questa strategia manterrai una buona reputazione nel tuo account mastered ed utilizzerai il sub-account per riabilitare alcuni di questi contatti e riportarli tra quelli aperti.

Qui sarebbe opportuno che l’informazione che invii ai non aperti sia differente rispetto a quella inviata agli aperti, visto che i non aperti vanno riattivati.
Puoi invitare questi contatti a confermare l’iscrizione alla newsletter, può essere un buon metodo per coinvolgerli nuovamente. Se si invia una campagna con un buon oggetto centrerai l’obiettivo.
Altra cosa interessante sarebbe creare dei segmenti. Sai già che più personalizzi l’invio e maggiore sarà il successo.
Non ci rimane che dirti che all’interno del tuo account disponi di uno strumento chiamato Campagne Mirate, questo strumento ti permette di creare liste basate sui risultati delle tue campagne precedenti. Puoi creare liste in base a chi ha aperto, non aperto le ultime campagne o chi ha cliccato su qualsiasi link o anche in un link specifico. Per esempio, se sei interessato a capire l’interesse della tua base clienti su un determinato prodotto, ti basta inserire dei link nella tua campagna e attendere che facciano click. Una volta che lo hanno fatto, potresti creare due liste ed inviare delle campagne dirette a chi ha mostrato interesse.
Ti è piaciuto l’articolo? Se ti interessa sapere come il disegno delle tue campagne influisce sulla deliverability, continua a seguirci nel prossimo articolo.
Condividilo nei social network se ti è piaciuto. O se vuoi che chiariamo un tuo dubbio, lasciaci un commento alla fine dell’articolo.
Impara e fruisci dai consigli di Benchmark Email!

Il modo più facile per coinvolgere i tuoi iscritti.

Con Benchmark potrai coinvolgere i tuoi iscritti e lead nel tuo Email Marketing. Il nostro obiettivo è quello di darti gli strumenti e i mezzi migliori per raggiungere il tuo successo.