Alza la mano se questo scenario ti risulta fin troppo familiare:

Hai impiegato tempo per creare la perfetta campagna email. Sei certo che il design e il materiale si combineranno per creare coinvolgimento e fare vendite.

Dato che sei un venditore pratico, vuoi mandare una email di prova. Sai anche di doverla mandare a un paio di colleghi, familiari o amici per assicurarti che sia inviata con successo.

La campagna di prova viene inviata e due colleghi ti dicono che lo spaziamento tra le righe non va bene. Un amico ti dice che le immagini non si vedono. Tua sorella ti manda uno screenshot dell’email che ha ricevuto e il carattere risulta completamente diverso nella sua casella di posta in arrivo.

Ci siamo passati tutti.

Il Problema Che Affrontiamo

In questo periodo storico la maggior parte di noi ha device multipli e dozzine di app installate su di essi. Alcuni di noi hanno addirittura app multiple per compiere lo stesso compito (Waze, Google Maps ed Apple Maps).

Potresti usare il sistema email che viene di default sul tuo device per controllare le email quando non sei vicino la scrivania, ma entrare nel tuo browser sul pc fisso per fare lo stesso quando sei in ufficio.

Il fatto è che ogni app, client di posta e browser che usiamo sono costruiti da aziende differenti, con diversi programmatori. Tutti hanno l’intenzione di fare meglio del successivo e naturalmente ognuno di loro ha una diversa opinioni su come dovrebbe essere fatto.

Ecco la Fetta di Mercato dei Client Email secondo Litmus:

  1. Apple iPhone: 31%
  2. Gmail: 21%
  3. Apple iPad: 11%
  4. Apple Mail: 7%
  5. Outlook: 6%
  6. Google Android: 5%
  7. Outlook.com: 5%
  8. Samsung Email App: 4%
  9. Yahoo! Mail: 2%
  10. Windows Mail: 1%

Il risultato potrebbe essere un aspetto imprevedibile delle tue campagne email sui diversi device, client di posta e browser.

La Varietà Può Essere Enorme

La maggior parte di noi da Benchmark è stata contagiata da Apple tempo fa. Rendono le cose semplici con solo qualche offerta di device. Android, dall’altro lato ha così tanti device che soltanto l’idea di testare su ognuno di essi ti fa venire il mal di testa.

Guarda questa panoramica della frammentazione di Android da OpenSignal:

Android segmentation

Mentre questa potrebbe sembrare una divertente barra retroversa per la tua cucina, averla come programma di testing è schiacciante, se non addirittura impossibile.

Ciò non significa che ogni volta devi mollare a far apparire le tue campagne email come avevi programmato tu.

Ci Pensiamo Noi

Inbox Checkers sono disponibili per assicurarsi che le tue campagne marketing abbiano un bell’aspetto su ogni device. Grazie alla nostra integrazione con Litmus, un’azienda specializzata nella creazione di un mondo migliore per le email, puoi controllare tutte le tue email prima di premere invio.

Puoi essere in grado di controllare come le tue campagne email appaiono sui device più popolari, client di posta e browser. Puoi anche determinare la possibilità che le tue email vengano segnalate come spam.

Anche nel Benchmark Starter Plan, Inbox Checker per Gmail (Explorer) e Outlook 2003 è completamente gratuito. Per ogni piano a pagamento di Benchmark, ci sono 50 controlli gratuiti inclusi. Se determini che hai bisogno di maggiori test, puoi comprare 100 controlli per soli $14.00. Non è un pagamento ricorrente e puoi utilizzare il servizio quando ti serve.

Inbox Checker test options

Inbox Checker

Perché Usare Inbox Checker?

È importante assicurarsi che le tue campagne email abbiano un aspetto fantastico su ogni device, client di posta e browser. Certo, quando usi il nostro Drag-and-Drop Email Designer, stai creando campagne email reattive. Ciò significa che le tue email saranno disponibili sullo schermo di ogni device a cui le mandi. Però, con Inbox Checker, sarai in grado di controllare la spaziatura, lo stile del carattere, come le immagini si mostrano e addirittura la tolleranza allo spam sui device e le piattaforme più popolari.

Piccolo Viaggio

Una volta mandata la tua prima campagna email, puoi vedere i tuoi reports per capire su quali device dovresti fare dei test.

All’interno dei tuoi reports email, puoi cliccare sulle Email Aperte per vedere tutti quelli che hanno aperto le tue campagne email. In quel rapporto, puoi anche vedere su quale device l’email è stata aperta.

Da lì, puoi essere in grado di vedere un pattern di quali client email o device i tuoi iscritti utilizzano. Con questi dati, puoi scegliere di controllare tutti i device usando l’Inbox Checker. In questo modo non paghi per controlli di cui non hai bisogno.

Cosa Metti Alla Prova?

A parte utilizzare Inbox Checker, ci sono tantissimi altri test che puoi fare sulle tue campagne email. Quali sono i test che fai? Condividili con noi nella sezione commenti!

Il modo più facile per coinvolgere i tuoi iscritti.

Con Benchmark potrai coinvolgere i tuoi iscritti e lead nel tuo Email Marketing. Il nostro obiettivo è quello di darti gli strumenti e i mezzi migliori per raggiungere il tuo successo.