Tag: email

Integrazione Benchmark Email con Magento

Integrazione Benchmark Email con Magento

Strategie Email Marketing • marzo 5, 2015

E \'difficile pensare a un oggetto che non sia possibile acquistare online oggigiorno (se avete sempre voluto provare il dentifricio al sapore di pancetta, si può semplicemente acquistarlo da internet!). Quindi, qualsiasi cosa può essere venduta on-line, e come un imprenditore dovrai pensare che il tuo negozio può essere il web! Ci sono molte cose da considerare quando si avvia un sito di e-commerce. Solo perché si ha un sito pronto online non significa che il lavoro è finito. Ricorda che il negozio online è come un negozio fisico. Che decorazioni hai fatto al tuo negozio per attirare i passanti? Applica le stesse cose per il tuo sito di e-commerce! Deve essere attraente, facile da usare, e fai omaggi ai clienti di fiducia così che possano tornare sul vostro sito! Ecco alcune cose da considerare quando crei il sito: Assicurati che il tasto di “acquisto” si fonde con il tema del sito. Non creare un pulsante di acquisto enorme nelle dimensioni di un elefante e di colore giallo neon; che rende l\'aspetto dell\'intera pagina meno attraente. Il pulsante di vendita deve avere dimensioni considerevoli ma non lasciarti sopraffare l\'intera pagina. Per ogni prodotto scrivi una breve ma molto dettagliata descrizione. Assicurati di elencare la misura esatta, peso, colore, etc. I clienti davvero apprezzano questo. Organizza i tuoi prodotti in categoria che consentono una rapida consultazione e ogni categoria sia come una landing page.Una barra di ricerca nella parte superiore della pagina non sarebbe neanche male! Aggiungi un modulo di iscrizione in modo che i visitatori possano iscriversi alla tua newsletter e ricevere coupons, aggiornamenti, e qualsiasi altra cosa che desideri! Per semplificare tutto puoi creare un account con Magento.Si tratta di uno dei software più importanti che aiutano a costruire e gestire un sito di e-commerce. Magento offre infinite opzioni per personalizzare il tuo sito e un sacco di integrazioni per l\'elaborazione dei pagamenti, social media, e ora, anche email marketing per aumentare il tuo brand e rafforzare le relazioni con i clienti. Prova l\'integrazione Benchmark Email con Magento adesso! Fai Log in nel tuo account di Benchmark Clicca su Integrazione sotto Mio Account Scrolla giù fino a Magento Scegli uno dei tuoi Moduli di Iscrizione Copia il codice generato dal box Vai nel pannello amministrazione di Magento (https://accountname.gostorego.com/index.php/admin) Clicca sul link Configurazione dal menu a discesa Sistema Seleziona il link Design dal menu a sinistra Incolla il codice html nel box HTML Miscellaneous nella sezione Footer Clicca sul pulsante Salva in alto alla pagina


Leggi
Integrazione Benchmark Email con Flickr

Integrazione Benchmark Email con Flickr

Strategie Email Marketing • febbraio 26, 2015

Una campagna email senza immagini è come il cibo senza sale, alberi senza foglie, una donna senza trucco, Babbo Natale senza regali ... si va alla deriva. Foto colorate ed accattivanti danno vita a una email, rendono il contenuto dieci volte più interessante, e nel complesso completano l\'email stessa. Si possono avere le migliori competenze di scrittura o il messaggio più interessante che esista, ma parole su una pagina vuota non possono avere così tanto effetto sul lettore. Una bella foto migliorerà l\'aspetto e il senso del messaggio che si cerca di condividere lasciando un ricordo più duraturo. In effetti, elenchiamo alcuni dati provati sul perché il contenuto visivo nell\'email marketing è una necessità. Il 90% delle informazioni trasmesse al cervello è visuale, e le immagini sono processate nel cervello 60,000 volte più velocemente rispetto al testo. Gli editori che usano infografiche hanno una crescita di traffico del 12% superiore rispetto a chi non le usano. Il 67% dei consumatori scelgono i risultati della ricerca che hanno associato una immagine. La persona media legge circa il 20% del testo di una pagina. 65% della gente vede solo le immagini di una pagina. Quindi da imprenditore, qual è il miglior servizio di condivisione foto da utilizzare in combinazione con il tuo email marketing? Flickr è uno dei migliori siti su Internet, con ottimi strumenti di editing di alta qualità, spazio di archiviazione e facilità d\'uso. E adesso puoi integrare il tuo account Flickr con il tuo account Benchmark Email per usarli insieme. Questa semplice integrazione consente di personalizzare il tuo email marketing. Con pochi clic del mouse, è possibile condividere le foto di Flickr con i tuoi amici ed iscritti, promuovere eventi aziendali, rendere più interessante la tua newsletter e diffondere il divertimento con uno dei siti di hosting di immagini più diffusi e amati in rete. Accedi a Flickr tramite Benchmark Email gratis! Per integrare: Nello Step 4 del tuo Email Editor, clicca su opzione Immagine nel Pannello Inserimento Elementi Nello schermo di Inserimento Immagine seleziona Inserisci da Flickr Fai login nel tuo account Yahoo e autorizza Benchmark Email ad accedere alle immagini di Flickr Seleziona le immagini desiderate e inseriscile nelle tue campagne email Sorgenti: https://ansonalex.com/infographics/infographic-effectiveness-statistics-infographic/ https://www.webmarketinggroup.co.uk/blog/why-every-seo-strategy-needs-infographics/ https://blog.wishpond.com/post/70300587846/10-reasons-visual-content-will-dominate-2014 https://blog.bufferapp.com/infographics-visual-content-marketing


Leggi
Integrazione Benchmark Email con principali CRM tramite Zapier

Integrazione Benchmark Email con principali CRM tramite Zapier

Strategie Email Marketing • febbraio 23, 2015

Oggi come oggi il marketing mirato è fondamentale per ottenere buoni risultati. Il CRM (Customer Relationship Management) consente alle aziende di raccogliere i dati e la storia delle abitudini di ogni singolo cliente e potenziale cliente. Questo permette di segmentare le liste e indirizzare campagne appropriate a propri clienti. Grazie alla nuova integrazione tra Benchmark Email e Zapier, puoi collegare il tuo account Benchmark Email ai migliori softwar CRM esistenti. Benchmark Email fornisce già una integrazione diretta con Salesforce, Zoho e Highrise, e con Zapier si possono integrare adesso molti altri CRM.. Importazione in Benchmark Email Forse stai già utilizzando uno dei tanti strumenti CRM a cui Zapier è in grado di collegarsi. Se è così, adesso nel momento in cui viene aggiunto un nuovo contatto nel CRM, è possibile importare i dati direttamente in una tua lista in Benchmark. Quindi puoi effettuare il lavoro di organizzazione e raccolta email nel tuo CRM, e automaticamente avere tutto a disposizione per il tuo email marketing. Esportazione nel tuo CRM da Benchmark Email Se stai usando Benchmark Email da prima che addottassi un tool di CRM allora potresti essere interessato nel spostare tutti i tuoi contatti da Benchmark nel tuo CRM, e questo è fattibile senza problemi. Utilità dell\'Integrazione con CRM Diciamo che hai un segmento della tua lista che preferisce un tipo di prodotto. Il tuo CRM potrebbe darti tale informazione. Forse si tratta di una linea di abbigliamento e stiamo parlando di abbigliamento uomo e abbigliamento donna. Gli uomini non hanno bisogno di essere aggiornati sulle tendenze più recenti rispetto alle donne e viceversa. Prendendo di mira questi segmenti con i dati più rilevanti, potrai tenere aggiornati e soddisfare i tuoi clienti rendendoli felici più a lungo. D\'altra parte, forse hai fatto un ottimo lavoro nel creare le tue mailing list. Hai usato moduli di iscrizione sul tuo sito web, pagina Facebook e raccolto a mano nomi di potenziali clienti. Hai nomi, indirizzi e-mail e magari altri dati importanti, quali numeri di telefono, nomi di aziende, ecc.. Cioè tutte le informazioni utili da avere nel tuo CRM e Zapier può aiutarti nel spostare tutto da piattaforma di Email Marketing a CRM e vice-versa.


Leggi
Integrazione Benchmark Email Zoho

Integrazione Benchmark Email Zoho

Strategie Email Marketing • febbraio 19, 2015

Così finalmente hai deciso di fare il grande passo e sei pronto per avviare la tua attività on-line. Complimenti! Può essere un viaggio emozionante, a volte accidentato, ma sempre emozionante. Con tutte queste tecnologie avanzate avrai bisogno di tutte le risorse necessarie per far crescere il tuo business online. Assumiamo che nel tuo computer hai Google Chrome, Word, e qualche gioco, dovrai anche acquistare qualche software e app che ti aiuti a fare business online! Si, ci sono parecchie cose da avere nel proprio PC per fare bene il lavoro: editor testuale come Word, un CRM, excel, e molto altro. La parte difficile, tuttavia, è che questi programmi sono spesso venduti singolarmente, ognuno prodotto da una softwarehouse. E\' quindi piuttosto costoso l\'acquisto di tutti i prodottied è probabilmente anche difficile trovarli tutti in una volta. Nel caso in cui si acquistano i singoli prodotti da marchi diversi, bisogna immaginare di installarli tutti in un computer. E\' come cercare di trovare un coperchio di una marca da adattare a una ciotola di un\'altra marca. Si può provare a premere giù costringendolo ad adattarsi, ma alla fine si rischia che non sia compatibile. Lo stesso vale per alcuni programmi. Fortunatamente esisono programmi come Zoho che contiene tutto quello di cui si necessita. E\' un insieme di applicazioni online a cui potrai accedere facilmente. Questi servizi di monitoraggio dei clienti, e-mail hosting, condivisione documenti, gestione progetti, sono tutti pronti per lavorare insieme senza problemi. Naturalmente, se si desidera aggiungere un plugin aggiuntivo, si può andare avanti e inserirlo nel sistema integrato di Zoho. Con l\'integrazione Benchmark Email Zoho, puoi importare facilmente contatti Zoho direttamente nel tuo account Benchmark Email senza installazioni o download. Niente è più importante per iniziare un business online che avere una buona strategia di marketing e-mail per creare buone relazioni e ampliare il tuo brand ad altri potenziali clienti. Ecco come iniziare: Log in nel tuo account Benchmark Clicca su Mio Account Clicca sul pannello Integrazionee vai nella sezione Zoho CRM Inserisci username e password Zoho e clicca Connetti Vai nella scheda Liste e clicca su Crea Nuova Lista Scegli l\'opzione \"Importa Contatti da File\" e poi Salva&Aggiungi Contatti Clicca sul link \"Clicca qui\" presente sotto \"Carica Tuo File\" Clicca su Zoho nella lista che appare Clicca su pulsante Importa Lista Fatto!


Leggi
Integrazione PayPal in Benchmark Email

Integrazione PayPal in Benchmark Email

Strategie Email Marketing • gennaio 22, 2015

E\' difficile trovare un business online che non usa Paypal. Che grande invenzione che è stata, ha cambiato il modo di pagare i servizi e i prodotti online. Era una scocciatura pagare digitando i numeri della propria carta o del proprio conto, per non parlare dei rischi di furti e clonazione carte.. Ecco perchè Paypal è molto apprezzato sia dalle aziende che dai clienti finali. Non più preoccupazioni nel vedere quale carta di credito utilizzare nel caso di carta non accettata, o di possibili hacker che possano accedere ai dati dell\'account del negozio on-line ecc... Per quanto riguarda il rivenditore online, la confusione e la difficoltà per cercare di tenere traccia di tutti i conti e le carte di credito. Per i clienti di Benchmark adesso c\'è la possibilità di aggiungere automaticamente i clienti Paypal nelle proprie liste. Adesso in Benchmark potrai segmentare la tua lista di acquirenti in gruppi (Nuovi clienti, Clienti fedeli, Potenziali clienti, Alto spendenti ecc.), in modo da tenere sotto controllo tutti i contatti presenti in paypal. Potrai anche creare e inviare campagne solo a specifici gruppi, o inviare agli utenti Paypal degli sconti o promozioni e molto altro ancora. Tutto questo per permetterti di utilizzare l\'email marketing in tutti gli aspetti del tuo business. Questo plugin è più di una semplice integrazione tecnica tra due software on-line. E\' un\'altra occasione per individuare l\'identità dei diversi gruppi nel database dei clienti e creare le campagne più adatte e specifiche per ciascun gruppo.. Ecco i semplici step per l\'integrazione: Nel pannello principale di Benchmark Email vai sul tuo Nome in alto a destra. Clicca su Integrazioni. Trova la voce integrazione PayPal. Dal menu a tendina scegli in quale lista inserire i contatti di Paypal Dopo aver scelto la lista apparirù una URL sopra \"Connection Status.\" Copia tale URL. Vai sul sito di PayPal e fai login nel tuo account PayPal. Clicca Profilo. Vai nelle Preferenze Instant Payment Notification e clicca su Aggiorna. Sulla pagina PIN clicca su Modifica Impostazioni. Inserisci la URL generata da Benchmark. Clicca salva.


Leggi
Integrazione Benchmark Email con Zendesk

Integrazione Benchmark Email con Zendesk

Strategie Email Marketing • gennaio 9, 2015

  Molte volte un errore può rovinare tutta la vostra reputazione. E\' una visione troppo drammatica? Per certi versi si, ma purtroppo è vero per molte aziende la cui rovina è stata ricondotta ad un evento sfortunato. In molti casi la causa non è la qualità dei loro prodotti ma la mancanza di un servizio clienti. Un paio di piccoli incidenti sono perdonabili e ininfluenti, ma per qualche ragione alcune aziende non hanno alcuna linea guida ed etiquette su come gestire il servizio clienti e le cose sfuggono di mano. Naturalmente, caro lettore, sappiamo che non faresti mai lasciare degenerare qualcosa se sei nella zona di pericolo! Quindi cerchiamo di concentrarci maggiormente su questi incidenti fastidiosi che sono così diffusi tra il cliente e il servizio clienti.. Magari il cliente ha provato a chiamare al numero della società per porre domande o lamentarsi, ed è stato messo in attesa ascoltando per troppo tempo musica rilassante prima che qualcuno rispondesse alla chiamata. Ora, con la diffusione delle nuove piattaforme di social media nate negli ultimi anni, ci sono più modi per i clienti di lamentarsi di qualcosa. Con così tante piattaforme presenti, come si può tenere traccia di tutte? Ci sono Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Google, Youtube, LinkedIn, leoni, tigri e, e orsi, oh mamma! Non bisogna preoccuparsi, Zendesk viene incontro per aiutarci in questa gestione. Zendesk è un software online che trasferisce ogni domanda urgente dalle tue piattaforme di social media su un semplice dashboard. Il software mette in evidenza le conversazioni urgenti che richiedono attenzione, e li porta sulla vostra pagina principale Zendesk. Ogni domanda viene quindi contrassegnata come un ticket con un numero in modo che l\'operatode del supporto possa scorrere i ticket e risponderli uno alla volta. Oppure si può anche rispondere a più ticket nello stesso tempo, se lo desiderano. E\' possibile che i clienti facciano domande a cui l\'operatore del supporto non sappia rispondere? Sì, certo, questo accade spesso! Ecco perché Zendesk consente anche di collaborare con gli altri membri del dipartimento per risolvere il problema nel migliore dei modi.. Vuoi rendere i tuoi clienti ancora più soddisfatti? Utilizza il Plugin Benchmark Email Zendesk per unire tutti i contatti di Zendesk in un un\'unica lista di contatti. Sai già i vantaggi dell\'email marketing per un\'azienda, quindi potrai combinare email marketing con l\'attività di supporto clienti per un miglior rapporto cliente-azienda (e quindi meno reclami). Ecco i semplici step da seguire: Fai Log in nel tuo account Benchmark Clicca su Mio Account Clicca sul pannello integrazioni e vai nella sezione Zendesk Inserisci i dati del tuo Zendesk come username e password e clicca Connetti Vai nella sezione Liste e clicca “Crea Nuova Lista” Seleziona “Importa Contatti da File” e clicca Salva & Aggiungi Contatti Clicca su “Clicca qui” sotto “Carica Tuo File” Clicca su Zendesk nella lista che appare Clicca sul pulsante Importa Lista Done.


Leggi
Dai Longevità alle Tue Newsletter Email

Dai Longevità alle Tue Newsletter Email

Strategie Email Marketing • maggio 4, 2013

Con Benchmark Email, puoi allungare la vita delle tue newsletter email grazie al nostro ARCHIVIO online di newsletter. Con pochi click è possibile creare una pagina web che diventa il collettore delle campagne email precedenti. Ciò rende semplice la condivizione delle tue newsletter passate con i vostri contatti e favorisce anche nuove iscrizioni. Puoi anche tweettare l\'url o aggiungerlo al tuo account di Facebook. Ecco come funziona. Nel menu Emails, seleziona Archivio sulla destra. Dovrai selezionare una url che diventerà l\'indirizzo per la tua Home Page dell\'Archivio. Vedrai qualcosa del genere: Seleziona quali newsletters includere nell\'archivio. Puoi anche creare un header e una introduzione per la pagina Archivio e aggiungere il tuo logo. Puoi anche cambiare lo stile, i colori e aggiungere un modulo di iscrizione per avere nuovi iscritti. Alla fine puoi anche prelevare il bottone \"Vedi Nostro Archivio\" da inserire nel proprio sito.


Leggi
Checklist delle Buone Pratiche di Email Marketing

Checklist delle Buone Pratiche di Email Marketing

Strategie Email Marketing • maggio 19, 2010

Anche alla persona più esperta può capitare di dimenticare o tralasciare qualche principio di base di buone pratiche di email marketing, annullando così l\'efficacia delle proprie campagne. Ecco una lista da controllare prima di inviare una campagna per assicurarsi di non aver dimenticato nulla. Landing & Branding Il messaggio della tua email esalta il valore del tuo brand? Hai fatto in modo che lo stile e i loghi usati siano gli stessi di quelli presenti sul tuo sito web? Una volta che il cliente arriva sul tuo sito web tramite link presente nell\'email, si tratta di una pagina di destinazione dedicata solo a quella particolare campagna? E\' presente un invito convincente all\'azione (call to action)? Contenuto Ci sono delle parole che potrebbero anche lontanamente essere definiti parole spam sia nell\'oggetto che nel corpo? Stai scrivendo in modo corretto e in maniera professionale? Il tuo messaggio parla di una offerta facile da individuare, facile da capire e convincente? Hai trovato un equilibrio tra il numero di link e la quantità di contenuti, in modo che nessuno dei due prevarichi l\'altro? La struttura del messaggio email è concentrata, equilibrata e appropriata? C\'è una call to action persuasiva e allo stesso tempo chiara e potente? L\'oggetto dell\'email è informativo e seducente, e ben al di sotto di 55 caratteri di lunghezza? Social Media Ti sei ricordato di aggiungere link o pulsanti collegati alle tue pagine social media? Hai inserito pulsanti di condivisione per permettere ai destinatari di pubblicare l\'email sui social network come Facebook e Twitter? Hai inserito il link per far inoltrare l\'email a un amico? Riconoscibilità & Personalizzazione L\'indirizzo email mittente ha il tuo dominio aziendale? Nell\'indirizzo email mittente, il nome prima del simbolo @ è comprensibile e amichevole come il tuo nome? Esempio: Andrea@TuaAzienda.com Hai usato la personalizzazione del contenuto, ad esempio richiamando il nome del destinatario? Lo hai usato in modo equilibrato o in modo eccessivo? Gestione Contatto Hai raccolto tutti i dati di segmentazione fattibili nel momento dell\'iscrizione? Hai raccolto il maggior numero di informazioni sul contatto? Il processo di iscrizione è facile e veloce? Lo hai testato? Aspetti Legali Il tuo messaggio email include tutti i dettagli della tua azienda, come il nome e l\'indirizzo? Il processo di disiscrizione è facile ed immediato? Aspetti Tecnici Ti sei assicurato che il tuo codice HTML non contenga javascript o CSS? Tutte le immagini contengono \"alt text\" in modo che chi ha le immagini bloccate legge comunque il testo? L\'email è leggera e si apre velocemente? Visualizzazione Hai controllato e testato la tua email su diversi PC con diverse risoluzioni di schermo? Ed anche su dispositivi mobili come smartphone e tablet? Hai controllato la visualizzazione delle tue email su diversi programmi di posta e diversi browser web? Hai inserito un link alla versione web della tua email? Se hai controllato e rispettato tutti questi aspetti significa che hai seguito le buone pratiche di email marketing. Puoi adesso tranquillamente inviare la tua campagna!


Leggi
8 Suggerimenti per la buona deliverabilità delle email

8 Suggerimenti per la buona deliverabilità delle email

Strategie Email Marketing • settembre 23, 2009

I filtri anti-spam possono incidere notevolmente sulla deliverabilità delle email impedendo la corretta consegna delle email nella casella di posta dei destinatari. E una cattiva deliverabilità porta a risultati negativi sui tassi di apertura e di risposta. In questo articolo vogliamo darti alcuni suggerimenti per evitare che questo accada:   Tip 1: Usa un\'affidabile piattaforma di invio email (ESP) Usando un affidabile Email Service Provider (ESP) avrai indubbiamente buoni risultati di deliverabilità. Con la piattaforma di Benchmark Email beneficerai di una buona reputazione ed affidabilità con i vari ISPs. Ci vogliono anni di duro lavoro e dedizione per costruire una buona reputazione a livello di server/network/ISP ed anche tu nel tuo piccolo puoi contribuire positivamente in questo seguendo le buone pratiche dell\'email marketing. Maggiori info le trovi nell\'articolo \"Come Migliorare La Reputazione Nell\'Email Marketing\" Tip 2: Usa piattaforme che usano Feedback Loops Scegli una piattaforma che è registrata con i ‘Feedback Loops’ sui grandi ISPs come Yahoo, Hotmail e AOL. Questo significa che ogni volta che un destinatario segnala la tua email come spam, il feedback loop permette all\'ISP di cancellare direttamente l\'email dal tuo  database. Questo consente di bloccare futuri invii di email all\'utente e quindi evitare ulteriori segnalazioni che potrebbero compromettere la tua reputazione. Tip 3: Ottieni il Consenso Il consenso o permesso ad inviare messaggi è uno dei fattori principali nella deliverabilità delle email. E\' vitale assicurarsi che i destinatari si siano effettivamente iscritti alla tua newsletter. Ciò richiede l\'utilizzo di un processo di opt-in verificato, cioè l\'utente deve confermare la propria iscrizione cliccando su un link univoco inviato nella sua casella di posta elettronica. Cliccando su questo link, il potenziale sottoscrittore conferma che l\'indirizzo di posta elettronica è il suo e che ha chiesto di ricevere le tue newsletter. Tip 4: Corretta Manutenzione della Lista Elimina subito dalla tua lista gli indirizzi che causano bounce o che non sono più validi. Un indirizzo email che non riceve la tua email a causa di un errore permanente 2 o 3 volte in un mese deve essere eliminato dalla lista. Ricorda che gli ISP tengono d\'occhio il numero di email che vengono respinte; l\'invio continuo di email a caselle di posta non validi potrebbe comportare il blocco delle tue email da parte degli ISP. Tip 5: Mantieni sempre lo stesso \'Mittente\' Usa sempre le stesse informazioni nel campo ‘da’ (mittente) delle tue email. Modificando l\'indirizzo mittente dovrai assicurarti che i tuoi destinatari aggiungano questo nuovo indirizzo nella propria rubrica. Se non lo fanno rischi che molti di loro non riceveranno correttamente l\'email. Ma la cosa più importante è che lasciando inalterato il campo mittente svilupperai negli utenti e col tempo una migliore consapevolezza/conoscenza/affidabilità del tuo brand. Tip 6: Riduci al minimo i bounces (email respinte) Assicurati di cancellare tutti gli indirizzi a cui non viene consegnata l\'email. Invii multipli a indirizzi obsoleti potrebbe portare il tuo ISP a prendere provvedimenti ed inserirti nelle black list. Tip 7: Datti una frequenza L\'invio di email ad una frequenza fissa, ad esempio lo stesso giorno ed ora della settimana è sempre visto di buon occhio dagli iscritti ed anche dagli ISP. Si dà infatti l\'impressione di fare un corretto email marketing ed anche gli ISP avranno la conferma che non sei uno spammer che invia email a qualsiasi ora e giorno. Tip 8: Invia Contenuti di Qualità Invia sempre contenuti che possano essere di interesse agli iscritti. Inviare email privi o  poveri di contenuti possono essere causa di segnalazioni di spam. La deliverabilità delle email è un fattore fondamentale per chi fa email marketing e quindi, prima di inviare le tue campagne, rivedi questi 8 piccoli ma importanti suggerimenti!      


Leggi
Email Marketing: Evitare l’Invio a una Vecchia Lista Email

Email Marketing: Evitare l’Invio a una Vecchia Lista Email

Strategie Email Marketing • agosto 28, 2009

Molte aziende raccolgono indirizzi email sui loro siti web fin dall\'inizio, ma spesso tardano ad usarli nelle campagne di email marketing perchè occupati in altre priorità. La mancanza di tempo nella preparazione di una campagna è infatti una delle ragioni per cui non si usano gli indirizzi email collezionati nel breve periodo, e quando si decide di usarli potrebbe essere troppo tardi. Capita infatti che l\'azienda improvvisamente si sveglia e decide di contattare tutti gli indirizzi raccolti nel corso di anni. Ma così facendo si possono ottenere risultati opposti a quelli desiderati, infatti ci sono rischi e controindicazioni da non trascurare. Ecco alcuni dei problemi che potrebbero insorgere: Potresti essere accusato di inviare spam Qualcuno dei tuoi clienti avrà visitato il negozio, avrà acquistato qualcosa o magari si sarà anche iscritto alla tua mailing list. Ora dopo un anno si vede arrivare improvvisamente e frequentemente tue newsletter. Sarà felice di ricevere le tue numerose newsletter? Si sarà mai ricordato di aver visitato il tuo sito? La risposta ad entrambe è No. I destinatari della tua newsletter con ogni probabilità si chiederanno chi sei e come sei arrivato al loro indirizzo email, e marcheranno la tua email come spam. Questo porta al rischio di entrare in qualche black-list. Molte delle email verranno respinte (bounce) Se invii una campagna a indirizzi più vecchi di 12 mesi noterai che molti di questi indirizzi respingeranno l\'email. Le cause possono essere le seguenti: L\'indirizzo email non esiste più: Quando questo accade dovrai cancellare l\'indirizzo dalla tua lista. Se molti indirizzi nella tua lista sono in questo stato rischi di essere bloccato dagli internet service provider in quanto etichettato come spammer. E\'  buona norma non superare mai il 10% di email respinte. L\'indirizzo è stato spostato e subisce un redirect: Questo accade quando l\'utente cambia mansione lavorativa o quando un account è cancellato. In questo caso c\'è una buona chance che qualcun altro riceva la tua newsletter ma questa nuova persona non avrà idea di chi sia il mittente e quindi segnalerà la newsletter come spam. L\'indirizzo è diventato uno spam trap: Indirizzi molto vecchi potrebbero diventare degli spam traps. Si tratta di indirizzi obsoleti che gli email provider usano proprio per identificare gli spammer, ecco perchè sono delle vere e proprie trappole molto pericolose per chi fa email marketing. Potresti entrare in una black list Dopo essere stato accusato di inviare spam e dopo aver constatato che molte email sono state respinte potresti trovarti nella situazione che molti internet service provider ti abbiano inserito nelle loro black-list. Questa potrebbe essere la combinazione di tanti fattori come la presenza di utenti che non ricordano di essersi iscritti alla tua newsletter, le alte percentuali di indirizzi non validi e la \"caduta\" in qualche spam trap.  


Leggi
1 2 3 4