Nella maggior parte dei casi, dopo aver effettuato un invio, ci si dimentica di svolgere alcune piccole azioni importanti. Per esempio una di queste è la pulizia della lista.

Sapevi che gli ISPs(servizi come Gmail,Hotmail,Libero…) verificano costantemente se invii ad indirizzi non validi?

Beh è proprio così che funziona. Per questo una corretta manutenzione della lista è importantissima per il tuo tasso di aperture.

Dopo aver valutato i risultati del tuo invio devi prendere delle decisioni. Per esempio una di queste può essere eliminare tutti gli iscritti che non aprono più le tue email, in quanto si tratta di indirizzi dormienti, puoi prendere in considerazione le ultime 30 campagne se hai paura di perdere troppi contatti. Eliminare questi indirizzi dormienti è utile perchè alcuni provider li trasformano in trappole spam per rintracciare gli spammer, e con questo passaggio eviti il rischio di essere segnalato come spammer.

Quando parlo di pulire una lista mi riferisco ad eliminare le respinte e gli iscritti inattivi da tempo.

All’interno del sistema di Benchmark Email trovi tre categorie di respinte:

  • Respinte Confermate: indirizzi inesistenti che negli ultimi tre invii il server ha sempre respinto.
  • Respinte Hard: indirizzi non validi come i precedenti, e una volta che il server respinge tre volte la campagne passeranno tra i confermati. È consigliabile eliminarli prima che diventino confermati. Solitamente sono domini o indirizzi cancellati o scritti male.
  • Respinte Soft: Sono indirizzi che temporaneamente non sono raggiungibili e quindi non è stato possibile consegnare la campagne. Questi indirizzi sono da considerarsi ancora validi, visto che il problema è momentaneo. Per problema temporaneo si intende per esempio che la casella di posta è piena e pertanto fino a quando non viene svuotata, non sarà possibile consegnare le campagne. Una volta che si risolve il problema l’indirizzo sarà nuovamente raggiungibile.

La pulizia sembra una cosa superflua, ma avrai modo di verificare tu stesso dei benefici grazie al pannello di reputazione che trovi nella Home del tuo account di Benchmark Email.

In questo pannello troverai un punteggio che va da 1 a 8 e misura la tua reputazione. Sai cos’è la reputazione? La reputazione è un modo per misurare l’esito che stanno ottenendo le tue campagne. Per ottenere questa valutazione si misurano fattori come respinte, aperture e clic.

Con una corretta manutenzione della tua lista sarai in grado di migliorare la tua reputazione e di conseguenza anche l’interazione con le tue email. Oltre a questo enorme vantaggio, riducendo le dimensioni della tua lista e rimanendo solo con gli indirizzi attivi andrai a risparmiare sul piano tariffario.

Sicuramente tutto quello che ti ho detto finora non ti sarà utile se hai una lista in fase di costruzione o creata da poco. In questo caso le respinte saranno pochissime e le uniche saranno gli indirizzi scritti male. Ti ricordo che per evitare questi problemi ti basta utilizzare un modulo con double opt-in.

Se al contrario la tua lista è datata e non hai mai fatto Email Marketing con questi indirizzi, ti consiglio di effettuare una verifica della lista.

Ricorda che uno dei fattori che ti porta ad ottenere maggiori risultati nell’Email Marketing è mantenere il tasso di respinta sotto il 2%.

Come già detto una corretta manutenzione della lista evita le trappole spam. Questi indirizzi vengono utilizzati dagli ISPs per cercare di individuare gli spammers, cioè chi raccoglie o compra contatti in modo improprio, in pratica tutti quelli che non seguono le buone pratiche nell’Email Marketing.

Come posso fare la manutenzione della lista con Benchmark Email?

  • In caso tu non abbia la possibilità di eliminare i contatti anche dal tuo gestionale o CRM, ti consiglio di seguire questa procedura:
    1. Accedi alla lista
    2. Clicca su “Pulisci lista”.
    3. Tra le opzioni scegli respinte confermate+respinte hard.
    4. Adesso fai clic su Crea nuova lista.
    5. Una volta che la lista è stata create, clicca sui tre puntini.
    6. Scegli “Copia lista”
    7. Copia questa lista nella “Lista disiscritti”

In questo modo, anche se per errore carichi nuovamente questi indirizzi in un file la piattaforma li esclude in automatico. Considera che questa azione è irreversibile.

  • Se invece hai una buona gestione del tuo database, devi solo seguire i primi tre passaggi e cliccare su “Rimuovi dalla lista”.
  • Se hai inviato una campagna a più liste e hai ottenuto un alto tasso di respinte, la procedura precedente potrebbe diventare un po’ tediosa perchè dovresti farlo lista per lista. Ti consiglio quindi di seguire quest’altra procedura:
  1. Vai ai report e scegli la campagna in questione.
  2. Clicca su “Respinte”
  3. Clicca sui “tre puntini” e dopo scarica “come file”.
  4. A questo punto carica la lista in “Lista disiscritti”.
  • Se invece hai problemi con le trappole spam devi seguire la procedura indicata nel passo 2, ma includendo anche gli indirizzi che non hanno aperto le tue ultime 30 campagne. Sono indirizzi dormienti ed è qui che si nascondono le trappole spam.

Questi sono i metodi disponibili in Benchmark Email per pulire le liste e migliorare il tasso di apertura.

Ora non ti rimane che scegliere quale metodo utilizzare per la tua lista.

Ricorda che il team di Benchmark Email è sempre disponibile per risolvere i tuoi dubbi o aiutarti a migliorare i tuoi risultati. Se hai altre domande su come procedere con la pulizia della lista non esitare a contattarci!

Siamo curiosi di sapere che impatto ha avuto la pulizia della lista sui tuoi risultati, lasciaci un commento qui sotto.

Il modo più facile per coinvolgere i tuoi iscritti.

Con Benchmark potrai coinvolgere i tuoi iscritti e lead nel tuo Email Marketing. Il nostro obiettivo è quello di darti gli strumenti e i mezzi migliori per raggiungere il tuo successo.

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
Notificami
trackback

[…] il più vicino possibile allo zero, per questo è importante una manutenzione costante della lista, nell’articolo sulla pulizia della lista ti diamo alcuni utili […]